Food Travel Lifestyle

LINGUE DI SUOCERA, IRRESISTIBILI

LINGUE DI SUOCERA, IRRESISTIBILI

Oggi vi devo assolutamente dare questa ricetta della mia amica Nicoletta, una vera maga dei lievitati: dovete assolutamente passare da lei per rifarvi gli occhi farvi venire l’acquolina! L’altra sera ci ha mostrato nelle stories come preparava questi stuzzichini ed io non ho saputo resistere! Il giorno dopo, rinfrescato il lievito, mi sono subito messa all’opera: voi non potete capire, creano seriamente dipendenza, vi avviso prima!! Sul suo blog trovate la ricetta con il licoli, qui c’è la versione con il lievito madre, gentilmente modificata da lei per le mie esigenze. Quindi zero scuse, tutti all’opera

LINGUE DI SUOCERA

INGREDIENTI

  • 450 gr. farina tipo 1
  • 150 gr. lievito madre già rinfrescato
  • 250 gr. acqua
  • 7 gr. sale
  • 40 gr. olio evo (più quello per spennellare)
  • spezie miste e peperoncino q.b.
LINGUE DI SUOCERA

PROCEDIMENTO

Nella ciotola della planetaria con il gancio a uncino sciogliete il lievito (già rinfrescato e lasciato raddoppiare) con una parte dell’acqua. Una volta sciolto , aggiungete tutti gli ingredienti e impastate per qualche minuto. Mettete l’impasto coperto da pellicola a riposare per qualche ora, fino al raddoppio (io almeno 4 ore). Riprendete l’impasto e iniziate a formare delle palline che stenderete con il mattarello sul piano infarinato. Fatele belle sottili e trasferitele man mano sulla placca del forno foderata di carta. Spennellate la superficie con un mix olio ed erbe e infornate a 180°C per circa 10-12 minuti (comunque fino a doratura). Sarà bellissimo vedere formarsi le bolle in cottura. Sfornate e lasciate intiepidire. Sono buonissime e facili da fare. Io ho provato a prepararle anche con l’esubero (cioè la parte di lievito che non viene rinfrescata): si sono gonfiate meno ma erano comunque deliziose!

Andate a curiosare quali altre ricette potete preparare con il vostro lievito madre.

LINGUE DI SUOCERA

Se provate le mie ricette usate #popis_life e taggatemi



Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *